Dolce Lavanda di Flammini Annamaria

  • Apicoltura e produzione dei mieli più rari
  • Lavorazione artigianale con metodi tradizionali
  • Profonda conoscenza del mondo delle api
  • Mieli riconosciuti Presidio Slow Food
  • Tutela della biodiversità
o

Dolce Lavanda di Flammini Annamaria

In un angolo d’Abruzzo ricco di bellezze naturali, tra il Parco Nazionale D’Abruzzo, Lazio e Molise e il Parco Regionale Sirente – Velino, nasce l’azienda apistica Dolce Lavanda. Da oltre due generazioni, nella Città del miele chiamata Pescina, Dolce Lavanda si dedica con passione alla cura di questi splendidi insetti e ai loro mieli.

La lavorazione artigianale, nel rispetto dei metodi più tradizionali, garantisce prodotti genuini e di alta qualità. La maggiore produzione è incentrata sul miele di Millefiori, ma a questo si aggiungono i cosiddetti monoflora, come quelli di Santoreggia e di Stregonia. Queste ultime sono essenze tipiche delle montagne aquilane, in particolare di due aree fortemente vocate: il Gran Sasso e il massiccio Sirente - Velino.

Tutte le tre varietà, Santoreggia, Stregonia e Millefiori, sono riconosciute Presidio Slow Food “Mieli dell’Appennino Aquilano”, con l’obiettivo di tutelare e preservare le produzioni più peculiari, riconoscendo alle api e agli apicoltori un ruolo importantissimo nella salvaguardia della biodiversità. Questi mieli nascono infatti tra parchi naturali e aree protette, a quote superiori a 850 metri di altitudine, dove le attività agricole vantano un basso impatto ambientale e la ricchezza di specie vegetali non è ancora compromessa dall’agricoltura intensiva; ecco perché si ottengono mieli eccellenti.

Oggi soltanto pochi apicoltori riescono a produrre i monoflora, così rari e difficili da trovare in commercio. Dolce Lavanda si distingue per la sua dedizione e la profonda conoscenza del meraviglioso mondo delle api. Ai più curiosi si consigliano le visite guidate tra gli apiari, quelle nel laboratorio dedicato alle fasi di estrazione dei miele e, dulcis in fundo, un’originale degustazione nella Mieloteca.

TORNA SU