LO ZAFFERANO

Lo Zafferano è la spezia più costosa al mondo. La qualità più pregiata è quella Abruzzese coltivata in provincia dell'Aquila. Conosciuto anche come la terra dell'oro rosso, l'Abruzzo è specializzato in tecniche di coltivazione e di utilizzo di questa spezia.

Ripercorriamo la storia dello zafferano, dalla sua coltivazione fino alla preparazione di un delizioso piatto

Lo zafferano è una spezia che si ottiene dagli stigmi del fiore Crocus Sativus, conosciuto anche come zafferano vero, una pianta delle famiglie delle iridacee. I Cormi, o più comunemente chiamati bulbidello zafferano, vengono piantati alla fine di agosto e l'impianto deve essere fatto prima che i bulbi , quindi intorno la prima settimana di settembre. Dai bulbi impiantati nel terreno si ottengono dei fiori, non più di quattro, dai petali viola. Al loro interno vi sono tre stimmi di colore rosso intenso. La raccolta avviene all'alba, affinché i fiori siano ancora chiusi. La sfioritura viene ancora fatta a mano con cura e delicatezza per preservare l'integrità degli stimmi. Per l'essiccazione vengono utilizzati metodi tradizionali. Gli stimmi vengono essiccati a pochi centimetri da un focolare domestico, su un setaccio. Una volta essiccata, la spezia d'oro è pronta per essere conservata ed utilizzata in molteplici ricette.

 

IL NOSTRO RISOTTO ALLO ZAFFERANO

Come preparare un risotto allo zafferano a regola d'arte. Ricetta dello Chef di Vivendostore Salutari Emanuele.

Ingredienti:

  • Riso

  • Sale

  • Zafferano

  • Cipolla Stufata

  • Brodo Vegetale

  • Burro

  • Parmigiano

  • Fiori di zafferano per la decorazione

Svolgimento:

Far sciogliere un pò di burro all'interno della casseruola e aggiungerei cipolla stufata.

Successivamente aggiungere il riso tostandolo a secco senza l'aggiunta di vino.

Una volta tostato il riso aggiungere lo zafferano ed amalgamare il tutto.

Aggiungere il brodo poco alla volta e lasciarlo cuocere.

Quando il riso avrà raggiunto una colorazione giallo intenso, bisogna toglierlo dalla fiamma per terminare la mantecatura.

Aggiungere il burro fuso di frigo e il parmigiano, amalgamare bene ed impiattare.

Il riso è pronto per essere gustato

BUON APPETITO!

TORNA SU